Search
Search Open/Close
Per un Reddito di Cittadinanza che non penalizzi le famiglie con minori o numerose
martedì 12 ottobre 2021 | Notizie - Nazionali

Per un Reddito di Cittadinanza che non penalizzi le famiglie con minori o numerose

L’Alleanza contro la povertà ha scelto di approfondire l’analisi sulla misura attraverso un attento lavoro di ricerca, condotta da un gruppo di docenti e ricercatori universitari, volta a mostrare in quale modo è possibile superare efficacemente sia le criticità strutturali dello strumento sia le nuove problematiche emerse a seguito della pandemia.


Lo strumento va rafforzato piuttosto che indebolito in termini finanziari anche attraverso la prossima Legge di Bilancio, che non dovrebbe dunque solo limitarsi a destinare le risorse necessarie a coprire il previsto aumento della platea degli aventi diritto. Dalla ricerca è nato un pacchetto di 8 proposte da sottoporre a Governo e Parlamento per migliore questo strumento che nonostante le imperfezioni ha comunque rappresentato un argine fondamentale al dilagare della povertà nel nostro Paese.


Per un Reddito di Cittadinanza che non penalizzi le famiglie con minori o numerose


Il Contesto 

La scala di equivalenza scelta per il reddito di cittadinanza penalizza le famiglie con minori e quelle numerose. L’uso di una scala di equivalenza che assegna un valore molto limitato ai componenti della famiglia oltre al primo (0,4 per i maggiorenni e addirittura 0,2, per i minorenni, con un tetto a 2,1) fa infatti sì che, a parità di reddito familiare, al crescere del numero di componenti del nucleo diventi più difficile rispettare i requisiti reddituali di accesso alla misura e, qualora si rispettino tali requisiti, si riduca l’importo della prestazione.

La Sfida

La scala di equivalenza adottata per il RdC non trova nessun fondamento nella letteratura scientifica, né tantomeno nella prassi seguita nelle politiche sociali nei principali paesi europei. La scala ISEE, utilizzata anche per il REI, attribuisce, ad esempio, un valore ben più elevato agli altri componenti del nucleo indipendentemente dalla loro età, sulla base dell’evidenza che all’aumento della numerosità familiare le necessità da soddisfare crescono in misura per nulla limitata. Si tratta quindi di modificare la scala di equivalenza da adottare per requisiti e importi del RdC per migliorarne efficacia ed equità.

La Proposta

La soluzione ideale e coerente consiste nel far uso della scala di equivalenza ISEE, che accrescerebbe di poco meno di 400.000 il numero di famiglie beneficiarie del RdC, estendendo quindi l’accesso ai nuclei che ne sono attualmente fuori a causa dei parametri restrittivi prescelti. Si accrescerebbe in media di circa 1.800 euro annui l’importo del RdC per le famiglie che già ne beneficiano, con una riduzione della povertà di circa 0,6 punti percentuali ed un costo annuo per il bilancio pubblico di circa 3,2 miliardi.


 

Tags

Archivio notizie

Back To Top